Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza anche cookie di terze parti. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.
VALSASSINA CULTURA
I santi fratelli della montagna: San Girolamo a Camaggiore

Lo direi, tra tutti, il minore dei fratelli eremiti. Ciò non toglie che sia assai conosciuto sul Lario di oriente e anche sulla sponda occidentale da dove ben si scorge la chiesetta a lui dedicata.
Preciso subito che non trattasi di San Girolamo dottore della Chiesa, ma di Girolamo Miani, gentiluomo veneziano che, dopo aver combattuto contro i Francesi, fatto da loro prigioniero nel 1511 e prodigiosamente liberato, ordinato sacerdote nel 1518, dedicò la sua vita a opere di carità in favore soprattutto dei derelitti dei ragazzi abbandonati, dando avvio alla congregazione dei Servi dei Poveri, poi detti Somaschi. La devozione a lui dal Bergamasco, dove fiorisce il celebre suo santuario di Somasca, passò al Lecchese, alla Valsassina e all’intero Lario.
Nel 1893 sull’Alpe di Camaggiore, a 1201 metri, sorse una chiesetta dedicatagli per iniziativa del parroco di Noceno. Il 20 luglio di ogni anno vi si celebra una festa per accaparrare il suffragio del santo contro il furore dei temporali e dei fulmini. Fu così che San Girolamo entrò nella schiera dei fratelli eremiti, protettori dalle offese dei cataclismi di natura.
È da dirsi, e un vecchio me ne accennò, che già prima nella Muggiasca Girolamo Miani godeva di particolare devozione e probabilmente un’edicola precedette la chiesa.
Certo Battista Cargasacchi, vivente ad Introbio ma nato in quelle terre, tornando una sera a casa fu aggredito da un tale, per vendetta di non si sa quali torti, e bastonato talmente da ritenersi alla sua ultima ora. Salvatosi dopo aver chiesto aiuto a San Girolamo, costruì per riconoscenza una cappella presso il ponte di Chiuso e la dedicò a lui: era l’anno 1828. (Pietro Pensa, da L’Adda, il nostro fiume, volume terzo, Religiosità, tradizioni e folclore nel ritmo delle stagioni).

Panorama da Camaggiore sul lago
Panorama da Camaggiore sul lago
Panorama da Camaggiore sul lago