Taceno

Entrando in Valsassina da Bellano, il primo paese che s’incontra è Taceno. In Una passeggiata dilettevole e istruttiva nel circondario di Lecco per Trivero Quirino veniamo informati che Taceno «giace nella Valsassina,presso a un fiumicello e accerchiato da alti e ripidi monti. Costì nell’estate vi è discreto concorso di forestieri ove trovansi poco distanti acque minerali solforose utilissime specialmente per malanni segreti». La Guida di Lecco di Giuseppe Fumagalli dice chele acque «sub-acidole ferruginose» sgorganti pretto Taceno, a Tartavalle, sono«utili anche pel mal d’occhio». La cinquecentesca Descritione della Valsassina di Paride Cattaneo Della Torre rileva che «nell’entrar di detta terra si passa una valle detta la Maladica et questa tal acque si rivolge molte rote de molini et altri edificj»; e aggiunge che «si pervien poi alla sua chiesa di novo ristorata, dedicata alla gloriosa Vergine Maria», prima di elencare le principali famiglie del luogo e rimproverare i suoi abitanti che «hanno assai fertile territorio, ma per la loro da pochagine mal coltivato».