Esemplare testimonianza di quell’arte sacra controriformista così rara e preziosa in Lombardia, l’oratorio dei Ss. Fermo e Rustico è uno dei più ricchi concentrati d’arte della Valsassina, scampato agli adattamenti e rimaneggiamenti successivi grazie al fatto di non avere mai ricoperto la dignità parrocchiale che è sempre stata riconosciuta alla vicina chiesa dei Ss. Gervaso e Protaso.

Suoi capolavori sono le ancone lignee e le artistiche vetrate istoriate. La chiesa è espressamente inclusa tra i beni monumentali tutelati dalla legge.

La sua costruzione fu iniziata nel 1583 da Margherita Del Prato Mornico come oratorio privato familiare all’interno del complesso cinquecentesco delle case dei Mornico, imprenditori siderurgici e membri del notabilato valligiano che per lungo tempo risultarono la famiglia più importante del borgo. In quell’anno tre fratelli Mornico erano parroci in Valsassina: Gabriele a Cremeno, Ambrogio a Indovero e Michele a Taceno…

SCOPRI COSA VEDERE IN VALSASSINA