PAESAGGIO PASSAGGIO: alla scoperta del territorio

Classe: Magnoliopsida

Ordine: Fabales

Famiglia: Fabaceae

Genere: Laburnum

Specie: L. anagyroides

Nome comune: Maggiociondolo

Altezza: Raggiunge in età adulta  le dimensioni di 4-6 metri di altezza.

Portamento: Ha portamento arbustivo.  Molto ramificato e chioma irregolare.

Corteccia: Liscia, dapprima verde, diventa poi bruno-verde.

Foglie: Composte, con tre foglioline appuntite ovali, hanno un lungo picciolo Le foglie sono verde-grigio e glabre sulla pagina superiore e ricoperte di peli morbidi inferiormente.

Fiori: Sono di colore giallo oro, molto profumati e adornano grappoli penduli che possono raggiungere i 25 cm di lunghezza

Fioritura: Inizia a maggio e termina in luglio.

Frutti: Sono lunghi baccelli scuri con piccoli semi neri contenenti citisina, sostanza estremamente velenosa.

Habitat: Vegeta e fiorisce in ambienti temperati e moderatamente umidi, specialmente in terreni calcarei.

Usi e curiosità: L’albero è  noto anche come falso ebano in quanto il legno di esemplari molto vecchi poteva essere usato in sostituzione dell’ebano. Il legno è duro e pesante ottimo per pali, lavori al tornio e combustibile. Vista la tossicità di alcune parti della pianta, la tradizione popolare narra che le streghe lo utilizzassero per preparare pozioni e bevande e durante i sabba cavalcassero un bastone realizzato con il legno di questa pianta.

Tossicità: E’ una pianta molta velenosa, con sostanze tossiche concentrate soprattutto nei semi e nelle foglie.